Siamo la prima coppia tra l'Abruzzo e le Marche ad essersi sposata con lo sponsor...Il 23 Giugno 2012 il nostro sogno è divenuto realtà...E dopo Se Trovo Lo Sponsor Mi Sposo, arriva la GUIDA AL LOW COST...una vita a costo zero o quasi!!!Siete al verde? La crisi economica vi ha messo ko?Oggi c'è la Guida alle migliori risorse di internet per risparmiare.
Loading

Visualizzazioni totali

lunedì 31 ottobre 2011

Quando Sposarsi "la scelta del mese - del giorno - dell'ora"

 
1. La scelta della Stagione
 I periodi più richiesti sono da sempre quelli primaverili ed autunnali essendo più inclini alla “clemenza” delle intemperie meteorologiche (anche se, negli ultimi tempi, a causa delle “bizze” del tempo, non è affatto inusuale trovare il bel tempo in pieno inverno e la pioggia nel bel mezzo della stagione estiva!). Negli ultimi anni tuttavia, si assiste anche ad un progressivo aumento dei matrimoni invernali, magari, durante le festività natalizie, poiché possono conferire un’atmosfera particolarmente suggestiva nonché, la più concreta possibilità di protrarre la luna di mieleusufruendo delle ferie del Santo Natale!

2. La scelta del Mese
La Chiesa cattolica sconsiglia la celebrazione del rito matrimoniale durante i periodi dell’ Avvento e della Quaresima, quindi, nelle fasi immediatamente precedenti al Santo Natale e alla Domenica di Pasqua. Nel caso però gli sposi decidano comunque di sposarsi in questi periodi, si richiede che la cerimonia sia svolta in tono più sobrio e consono alle circostanze.

3. La scelta del giorno
Tempo fa, il giorno prediletto per la celebrazione del matrimonio religioso, era senza alcun dubbio la domenica, da sempre considerata il “giorno del Signore”; tuttavia, proprio per tale motivo, attualmente, non solo per ragioni pratiche ma, principalmente per ragioni di ordine ecclesiastico (che impongono che la Messa domenicale sia riservata esclusivamente all’assemblea dei fedeli), molte Diocesi vescovili vietano che la celebrazione con rito religioso si svolga proprio in questo giorno. Anche per questo motivo quindi, il giorno più “gettonato” per la celebrazione delle nozze rimane, quasi sempre, il sabato, di gran lunga preferito rispetto a tutti gli altri in quanto, precedendo la domenica, consente di riposarsi il giorno successivo costituendo un’innegabile vantaggio tanti per gli sposi quanto per gli invitati soprattutto, per quelli che giungono da lontano.
Per le stesse ragioni “strategiche”, piuttosto richiesti sono anche il giovedì (in modo tale che il venerdì si riposa ed il sabato, si parte per la tanto sospirata luna di miele!).
Tuttavia, data la grande difficoltà di far combaciare i vari momenti inerenti la celebrazione (Chiesa, ricevimento ecc..), soprattutto in alcuni periodi dell’anno ove si assiste concretamente ad una maggiore richiesta (ad esempio, nei mesi di maggio, giugno, settembre..), oggi si assiste spesso a celebrazioni anche di lunedì e di mercoledì ; ragioni di pura superstizione, viceversa, prevedono ancora il “divieto” di sposarsi di martedì e di venerdì (in ossequio all’antico e famoso detto, di origini partenopee, in base al quale: “…di “Venere” e di “Marte”non si sposa, non si parte e, non si dà principio all’arte!”), anche se, per dovere di cronaca, bisogna pur sempre rilevare che tale superstizione persiste soprattutto nelle zone del sud d’Italia mentre, al nord, da sempre meno tradizionalista in queste cose, soprattutto le giovani coppie decidono di sposarsi indifferentemente, in qualsiasi giorno della settimana!

4. La scelta dell' ora
Circa la scelta dell’orario per la celebrazione del rito nuziale, il Galateo lasciala più ampia libertà di scelta; molto dipende, tuttavia, dal tipo di festeggiamento che si intende organizzare per il “dopo cerimonia”:

- Dalle h.09.00/h.10.00: Si decide di celebrare il rito in questa fascia oraria piuttosto “mattutina”qualora il ricevimento prosegua con un breackfast o un brunck, una soluzione che consente, e richiede, di terminare i festeggiamenti prima dell’ora di pranzo. Più formale (ma di gran classe), la scelta del cocktail.

- Dalle h.11.00/h.12.00: Tale soluzione prevede che, nel dopo cerimonia si ricevano gli invitati a pranzo o per un rinfresco a buffet di una certa “importanza”.

- Dalle h.14.00/h.16.00: Orario questo, a dire il vero, poco usuale ma sicuramente, molto chic. Nel dopo – cerimonia, gli invitati vengono intrattenuti con un breve rinfresco a base di thè o cioccolata o con una merenda a base di frutta o rustici, da terminare rigorosamente entro le h. 19, serata che potrà piacevolmente proseguire, insieme con gli ospiti, in un’allegra festa da ballo.

Dalle h.16.00/h.18.00: Ad una celebrazione che si svolga tra le 16 e le 18, generalmente segue un rinfresco oppure una cena o una serata danzante.
In quest’ultimo caso sarebbe opportuno prevedere un cocktail per colmare la pausa che intercorre tra la cerimonia e l’ora di cena.

Dalle h.18.30/h.21.00: Per i matrimoni celebrati in questa fascia oraria (ideale soprattutto in estate nei paesi più caldi), segue un cocktail oppure una cena freddao un rinfresco, da terminare, possibilmente, entro la mezzanotte.
La serata potrà quindi concludersi in discoteca.
Tratto da NozzeItalia

Nessun commento:

Posta un commento