Siamo la prima coppia tra l'Abruzzo e le Marche ad essersi sposata con lo sponsor...Il 23 Giugno 2012 il nostro sogno è divenuto realtà...E dopo Se Trovo Lo Sponsor Mi Sposo, arriva la GUIDA AL LOW COST...una vita a costo zero o quasi!!!Siete al verde? La crisi economica vi ha messo ko?Oggi c'è la Guida alle migliori risorse di internet per risparmiare.
Loading

Visualizzazioni totali

sabato 12 novembre 2011

Matrimonio in trasferta... per un matrimonio intimo e economico !

La tradizione vuole che ci si unisca in matrimonio nella città natale della sposa. Se sposo e sposa poi sono originari della stessa terra, sposarsi nel proprio paese di origine diventa davvero un must irrinunciabile. Questo però vale per le coppie tradizionali...

Una coppia alternativa può valutare di sposarsi lontano da casa: una cerimonia intima tra pochi invitati, un piccolo rinfresco e tanta semplicità.

 Perché scegliere di sposarsi in trasferta? Semplice: per ridurre il numero di invitati e abbattere i costi. Di certo star via almeno due giorni a cavallo delle nozze, prendere delle ferie al lavoro, pensare agli spostamenti, di qualunque tipo si trattino (auto, treno, aereo, traghetto...) è un impegno consistente per gli invitati. Sia dal punto di vista organizzativo che da quello economico. In più va aggiunto il regalo e se si è una famiglia numerosa con figli la spesa diventa davvero importante.

Dunque cerimonia e ricevimento lontano da casa provocheranno tantissimi assenti e inoltre giustificheranno una rosa di invitati già ridotta comprensibilmente in partenza. Invitare conoscenti e lontani parenti obbligandoli a sostenere le spese di una trasferta così impegnativa non è buona educazione, così sarete giustificati ad effettuare un taglio drastico alla lista desiderata probabilmente dalle vostre famiglie, come descritto in un precedente post. Potete limitarvi ad invitare i testimoni, fratelli e sorelle con rispettive famiglie, genitori, fratelli dei genitori (cioé zii diretti) ed eventuali cugini, solo siete molto legati. Se ne avete voglia potete allargare l'invito agli amici più intimi, ma non sentitevi obbligati: con gli amici potrete sempre festeggiare in maniera più amichevole in seconda battuta, anche con una semplice pizza o una cena a casa vostra. L'ideale sarebbe scegliere un piccolo centro con un accogliente sala comunale e uno spazio esterno dove intrattenersi, magari un affascinante edificio storico. Oppure, se si vuole offrire un vero e proprio pranzo, cercate un ristorante casareccio e informale nei pressi del comune dove pronuncerete il fatidico sì. Il massimo sarebbe trovare una struttura dove poter anche pernottare tutti insieme qualche giorno, per esempio un bel casolare immerso nella natura.

Così, anche per gli invitati, il vostro matrimonio si trasformerà in un'occasione per trascorrere qualche giorno all'aria aperta in buona compagnia mangiando dell'ottimo e genuino cibo. In genere queste strutture per così dire "casalinghe", non sono inserite nel circuito di eventi e matrimoni e saranno disponibili ad un trattamento di favore considerando il numero di persone che dovranno ospitare grazie alle vostre nozze! Ma anche se decidesse di sposarvi in una qualunque città, magari dove vivete e lavorate, ma comunque lontano dalla vostra città natale e dunque lontano dalla maggior parte dei vostri parenti,  il risultato non cambierebbe e riuscireste a vivere un matrimonio intimo e davvero economico!

Nessun commento:

Posta un commento